L’Alieno tra noi…

un nuovo alieno tecnologico

Vi  racconto una storia:

c’era una volta Yahoo! la più grande directory del mondo ed un serie di satelliti chiamati motori di ricerca: WebCrawler, Lycos, Altavista, Virgilio, Arianna, HotBot, Excite, etc,..  Questo sistema funzionava abbastanza bene per quel tempo, era un agglomerato più o meno in ordine di dati dove tutti (tutti quelli che lo sapevano) potevano entrare in Rete e cercare quello di cui avevano bisogno.

Un giorno, nel cielo, comparve una cometa che decise di lasciare sulla Terra un alieno di nome Google. Questo alieno venne qui per imparare tutto sul Pianeta: come era composto, come si chiamava, chi erano i suoi abitanti, come parlavano, quali dati si scambiavano e perfino di quante molecole era composto. Il lavoro da fare era immenso, grandissimo quasi come tutto l’Universo! Inoltre, ogni giorno questi dati crescevano sempre di più e sempre più veloci: c’era un essere vivente che sembrava essere il più interessato a questa evoluzione di dati; quindi Google decise di dedicarsi proprio a lui. Per farlo nel più breve tempo possibile, decise di inghiottire tutti i motori di ricerca di quel tempo, e mangiandoli si nutrì di tutte le loro informazioni.

L’alieno Google divenne così pieno di dati che intuì l’insorgere di un nuovo problema: i dati bisognava metterli in ordine e soprattutto interpretarli per far sì che l’essere vivente, nel momento in cui fosse venuto a cercarli, li potesse trovare precisi e rispondenti alle sue aspettative.

Google capì velocemente che più esseri venivano ad interrogarlo, più lui diventava grande e informato. Si concentrò su come fare per riuscire ad avere sempre più informazioni e decise di muoversi in due direzioni: la prima fu la ricerca spasmodica di “capire” la lingua degli esseri viventi, la seconda di portarli da lui attraverso quella strana cosa che quegli esseri chiamavano pubblicità. Ebbe ragione! Tutti gli esseri di quel pianeta nel momento in cui sentivano l’esigenza di sapere qualcosa, la prima cosa che fecero era “andare su Google”. Gli stessi esseri adottarono google come la piattaforma per far conoscere i loro prodotti assecondando così la seconda direzione scelta da Google per il suo obiettivo finale: la pubblicità, appunto.

Oggi Google, nel quarto trimestre, ha registrato un utile di 14,8 Miliardi di dollari ma gli introiti di Google iniziano a rallentare. Gli esseri viventi del pianeta analizzando la crescita di Google si sono accorti che nonostante la netta ascesa del 14% rispetto all’anno precedente, già da metà dello scorso anno ha iniziato a rallentare. Il bello è che il pubblico pagante cresce ma il costo per clic è in netto calo, facendo sì che gli inserzionisti paghino meno e di conseguenza il fatturato, al momento.

A cosa è dovuto?

Nella mia analisi sostengo che Google ha generato una scia di altri come lui, con un dna diverso ma che stanno raccogliendo notevoli flussi di esseri viventi portando così l’attenzione verso di loro (pubblicità compresa).

Ora le strade che l’Alieno prenderà possono essere varie ma già una traccia è ben visibile e delineata:

Google rimane il motore di ricerca per eccellenza nella maggior parte del mondo e per rimanere tale, sta acquisendo tutta una serie di piattaforme che lo stanno rendendo onnipresente: è dentro a qualsiasi tecnologia che utilizziamo per geolocalizzare, informare, vedere, analizzare. La sua sfera di gestione delle informazioni ormai va a 360°: pensate a Drive, G+, YouTube, Documents, Social Business, Maps, Earth, Traduttore, Foto, Market, AdWords, ed altro ancora. Sta acquisendo satelliti per coprire l’intero pianeta, connettendolo in ogni angolo, e con il quale può gestire il più grande Big Data di tutti i tempi. Una volta che avrà catturato ed interpretato sufficienti dati, potrà arrivare a “ragionare”.

Sì, mi sto riferendo alla Intelligenza Artificiale.

Non sto parlando di una visione alla “2001 Odissea nello spazio” in cui HAL prende il sopravvento, o almeno non in quel modo. Di sicuro, però, ci troveremo di fronte ad un’entità capace di “prevedere”, “soddisfare” ma soprattutto “guidare” le nostre volontà.

Sarà un gioco molto pericoloso combattuto da due gruppi di esseri umani:

i mutanti (quelli che saranno in balia della macchina) che saranno “consigliati” dal Big G, rapiti da qualsiasi caxxata tecnologica del momento, dallo smartphone sempre connesso e pronti ad immergersi nell’oceano virtuale.

i guardiani, quelli che la tecnologia e l’intelligenza artificiale la controlleranno.

State attenti a non finire nel gruppo sbagliato.

l'esercito di umani mutanti

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...